Il senso di una aspirante eletta

Pagina 4 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Charade il Lun 01 Feb 2016, 19:12

Re: Il senso di una aspirante eletta sanvass Oggi a 12:04 Aec-messaggio num#31405
Scusatemi, io no vedo né messaggi né messaggera. Ho detto la mia!
… Ecco , oltre a dire legittimamente la tua , prova magari anche a dire cosa hai compreso del messaggio indicato , ovvero ti sentiresti colpevole a sopperire ai tuoi bisogni “d'abbraccio” maschile rispetto a quello femminile ?

E la “gelosia” o invidia di Giulio in altri qui identificabili contesti,
http://j-pheonix.forumattivo.it/t971p15-i-racconti-di-tino
come si colloca con quella che io vedo qui : strisciante o deviante tra tutti/tutte voi ?
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Charade il Lun 01 Feb 2016, 19:11

Re: Il senso di una aspirante eletta annali Ieri a 19:45 Aec-messaggio num#31400
Ne sto lontana avendo capito che alla signora fa buon gioco avere l'attenzione tua, senza noi ne abbiamo da goderne "usufrutto"....
Premesso che la mia attenzione non la pago ne la faccio pagare , non vedendo ne il frutto ne il suo presunto usofrutto, indicaci con completezza d'argomenti , diversa tua visione , considerando magari come io abbia a tenere questi costanti comportamenti indistintamente vs tutte/tutti , inclusa te -

Toglimi una curiosità : come mai per l'attenzione su Ariel ad esempio , non hai proferito medesima invettiva ? 

Credo pertanto , ti venga difficile dimostrare che sia come pensi tu , anche perché non esiste alcuna dichiarazione esplicita in tal senso , ne tanto meno e plausibile pensare che possa esistere -

A te interessa il messaggio e non la messaggera?
A me si , a te ?
Ma guarda un po, a me non pare proprio...Vuoi che sia il contrario?
Può anche essere , ma finché ti perdi dietro a considerazioni differenti o divergenti , allora solo per te lo potrebbe anche essere -
Comunque dicci, specifica, quale sarebbe il messaggio insito da tramettere a noi qui, da dipanare??? 
Esattamente quello qui generalmente ascritto ab urbe-aec condita ,,,
Ma per non rimanere sul vago generico , nel qui specifico : quello relativo ai “bisogni” affettivi diversificati rispetto ai gender identificati -
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  annali il Lun 01 Feb 2016, 15:29

Quanto a questo, io ci vedo ancora meno...


annali
Senior
Senior

Messaggi : 7688
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  misterred il Sab 30 Gen 2016, 12:04

Scusatemi, io no vedo né messaggi né messaggera.
Ho detto la mia! affraid
avatar
misterred
Senior
Senior

Messaggi : 5214
Data d'iscrizione : 11.10.13
Età : 59
Località : Sacro Monte

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  annali il Ven 29 Gen 2016, 19:45

Ne sto lontana avendo capito che alla signora fa buon gioco avere l'attenzione tua, senza noi ne abbiamo da goderne "usufrutto"....
A te interessa il messaggio e non la messaggera? Ma guarda un po, a me non pare proprio...Vuoi che sia il contrario?
Comunque dicci, specifica, quale sarebbe il messaggio insito da tramettere a noi qui, da dipanare??? 

annali
Senior
Senior

Messaggi : 7688
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Charade il Ven 29 Gen 2016, 19:17

Dimmi un pò mrs Green a te sembra che a me interessa la messaggera e non il messaggio , sempre secondo i passaggi precedenti dai quali tu ne stai lontana ? 
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  annali il Ven 29 Gen 2016, 19:14

Ma dimmi un po', Ch, secondo te, lei (signora Eletta)  si scomoda a venire a leggere qui? E se sì, perchè non interviene nelle risposte?
Se devo dirla tutta, trovo abbastanza irritante tutta questa considerazione di cui a noi, la fai partecipe.
A che pro? Cosa ne viene a noi? A noi intesa come compagine d'utenza.   Neutral

annali
Senior
Senior

Messaggi : 7688
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Charade il Ven 29 Gen 2016, 18:54

Non volendo metter in chiaro il testo di riferimento , ne indico solo la fonte in link 
http://tranellidiseta.blogspot.it/2016/01/abbraccio.html

Mentre qui di seguito , la relativa risposta 

29 gen 2016 
Para-abbracciante Eletta buondì , 
mi stupirei del contrario se tu ,rappresentante o discendente d'Eva , avessi detto differentemente -
La differenza di gender nel diversificato bisogno , esprime appunto il concetto ,più che nell'illusorio dare , nel più reale scambiare ,,, Colpe non ne vedo nei tuoi bisogni più o meno impacchettati , così come medesime colpe non ne analizzerei od imputerei a presunti Adami nelle loro espressioni esclusivamente genito-edonistiche - 

Con questo non si vuole dire che ognun è quello che è , e nulla si può cambiare ,,,
Ciò potrebbe essere vero per chi : animale , umano o infante , di fronte ad uno specchio non riesca ancora a dire l'unica o fatidica frase , culminante nell'io sono di descartiana memoria … 

La capacità culturale di cambiare o interpretare l'imposto o impostore ordine “naturale” delle cose , è pur sempre una possibilità degli esseri senzienti - Non per nulla , chi dell'abbraccio genetico ne fa vituperato mestiere , lo distingue dal e nell'abbraccio mentale , che è il punto di partenza di ogni atto -

Se poi ,come taluni/talune, ammorbano le già fumose acque con altrettante fumose prevalenze , allora le Irine d'Eva saran sempre candide , e gli Irini d'Adamo saran sempre reprobi … 
Casomai per trovarne soluzione , chiedersi perché orde di falegnami frequentan luoghi deputati - 
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Charade il Mer 27 Gen 2016, 19:35

Se io mi dovessi preoccupare di dare lucine o riferimenti ad altre/altri , perderei i miei di riferimenti ! 
Il problema è che in questi periodo sto iniziando molte cose in abbozzo , ma poi non ho il tempo di portarle avanti con costanza ,,,
Embarassed

L'idea è semplice : il messaggio d'origine vuole indicare una differenza di comportamento di gender , come se fosse una colpa o in pregio dei gender stessi , quando invece sto cercando di mostrare come ognun è quello che è , diverso nel suo genere poiché così voluto nella ns natura -

Per non spostar problemi da una parte all'altra e per cambiar essa si può culturalmente fare , ma sarebbe contronatura - L'unica soluzione e riconoscere la diversità come ne buona ne cattiva e scambiare reciprocamente e brevemente i ruoli nel gioco dativo-affettivo -
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  annali il Lun 25 Gen 2016, 18:43

Al momento solo una lucina mi si è accesa...
Non penso però, il contiguo sia gran sorpresa...  

annali
Senior
Senior

Messaggi : 7688
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Charade il Lun 25 Gen 2016, 18:42

Ahh ahh , neanch'io  difesta
No scherzo ,,, work in progress , per ora sono solo spunti ed abbozzi - manca il tempo -  distratto
ci lavorerò in questa settimana altri work permettendo - 
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Azzurra il Lun 25 Gen 2016, 18:31

( Shocked
non ho capito niente)

ahahhh nooo, rileggendo, ho compreso: ne leggeremo delle belle!

Azzurra
Senior
Senior

Messaggi : 4785
Data d'iscrizione : 01.07.13
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

title : pubblici lazi e privati spazi alla coorte di re artù ?...

Messaggio  Charade il Lun 25 Gen 2016, 18:27

intro : 
Nonostante , le legittime resistenze iniziali , vedo con piacere che mrs Azul ,per questi ricorrenti motivi a me sempre cari, comincia a far oculata distinzione … Già recentemente eravamo incappati con mr Red ed i suoi racconti tendenzialmente o blandamente erotici ,,, in quest'argomento , anch'io volli poter raccontarne una mia , ma ho subito declinato poiché mi mancava lo spunto , che ora ne ho occasione di riprendere , nella forma a me più congeniale ,,, 

Body:
once upon time … c'era una volta … 

In un luogo senza tempo , alcuni annoiati ,o a scelta nauseati, autori in cerca dei propri personaggi, bighellonavano in giro per giro , poi all'improvviso con uno schiocco di dita all'unisono , produssero un grosso Bang , cosicché la luce fu!

Lasciando perdere il dietro le quinte accessorio, arriviamo alle prime scene , dove occorre definire gli attori : 

“Orsù , facciamo dei robot , ed essi siano a ns immagine e somiglianza ,,,
“diamogli quantunque l'illusione della scelta…
” (Neo docet & pardo pardus : “storia del gender umano” , references) 

Colui a cui un colle fu sempre caro , venne prodotto dagli autori così sofisticato , che pur non potendosi sottrarre al suo predestinato destino , tuttavia era in grado di poterlo analizzare e presupporre per lunghi ,larghi , illimitati cammini -

modulo riproduttivo : 
“...diamogli il “bisogno” diversificato x gender (male , female) , ma celiamo la 3 legge dello scopo riproduttivo finale “

antenati d'Asimov citazione : 
.
.work in progress
.
Irino Beach o Bitch ( non si è mai capito )
Si narra che il tipo : bello come il sole , suadente come una luna piena, ami amare senza punto mettere limite alle sue azioni od a scrupoli di ogni sorta o condizionamento culturale o catto-morale …

to be cont. %
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Azzurra il Sab 23 Gen 2016, 10:44

Ieri leggevo nel blog di Eletta, quello citato qui sotto, il suo 'articolo': Abbraccio.
Urka, ma come e' esplicitamente e intensamente variegata nell'esprimere il suo personale sentire l'Eros e , se lo scrive, e' per raccontarsi e non per condividere, visto che nel blog non dialoga? Oppure anche cosi lascia...dei doni?
Grazie, Eletta, a nome di tanti che sono ancora limitati.
Poi l'accenno al film - Irina Palm - ah... quanto ne abbiamo parlato io e Giulia.
Donna speciale Irina: per necessita' di lavorare, nn avendo + l'eta' x un lavoro d'ufficio, si era convinta che pure il 'mestiere' che aveva accettato non l'avrebbe alterata dentro. Cosi' fu, ed era brava ma distaccata; la sua piantina continuava a crescere bene, quello contava, non le mancava l'amore e la dedizione di Irina, nonostante tutto.
Ironia e purezza senza ipocrisia.
Certo qui potremmo parlare in quei termini di Eros? Non credo proprio, visto che ci si scandalizza o ci si sente infastidite alla vista di un nudo, di un quadro. E questa mia non e' una critica verso nessuno/a, in quanto ciascuno e' diverso e degno di essere rispettato anche nel proprio personale e soggettivo pudore.
Pero' cosi e', almeno a me pare -

Azzurra
Senior
Senior

Messaggi : 4785
Data d'iscrizione : 01.07.13
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Charade il Gio 21 Gen 2016, 18:25


Da 
http://tranellidiseta.blogspot.it/2015/12/blog-post.html
obj : Le confidenze 

Charade 13 gennaio 2016 18:07
Si conosce ciò che è conoscibile , direi più modestamente ed adeguatamente io -
L'estensione automatica di validità tra ciò che io apprezzo e ciò che apprezzano altri , perdonami , ma non la vedo -
Ci sono persone che passano la loro vita prevalentemente a confidarsi ed altre a raccontare - La differenza è ben netta !
Seppur vero che noi personaggi senza conosciuto autore , ben difficilmente potremmo all'estremo , fidarci completamente neanche di noi stessi , ovvero di quella summa di condizionamenti genetico-ambientali che ci definiscono come macchine biologiche complessissime , ma pur sempre macchine !
In questo stato macchinoso , le definizioni tra una confidenza propriamente detta ed un racconto propriamente indotto, sono abbastanza nette ,,, la prima avviene in privato la seconda in pubblico , altrimenti sarebbero sinonimi -
Infine , del sentimento di fiducia , lasciamolo agli irrazionali puri , poiché non si comprende il come validamente credere , ma soprattutto il -perchè- credere -

Eletta Senso15 gennaio 2016 09:11
Quindi tu ti ritieni conoscibile? Io no. Non totalmente almeno.
La fiducia sta nel fatto pratico e semplice che, se confido un fatto intimo al un amico o amica chiedendo di non divulgare, mi aspetto che lo faccia. Altrimenti il segreto o confidenza rimbalza di bocca in bocca e tanto vale mettere manifesti sui muri.

charade15 gennaio 2016 17:59
Al di là di cosa relativamente ci si ritenga: conoscibile è ciò che si conosce , inconoscibile ciò che non lo è !
A parte questi aspetti conoscitivi, credo di capire l'aspetto pratico… ma rimane pur sempre da definire il -perchè- si senta tal bizzarro bisogno ; praticamente è un'ammissione silente di ns insufficienza a risolvere tal personali problemi ?,,, Mettiti nei panni d'altre/altri che forse avranno da risolvere anche i loro,,, No, non è mancanza di solidarietà , ma donare una pre-visione di possibile corretta ambivalente soluzione -

Eletta Senso16 gennaio 2016 09:37
Ieri sera dicevo a un amico che con me si confida, io ascolto e ho ascoltato il tuo racconto. E solo quello. Non conosco le altre persone implicate nel fatto e non ne conosco il loro racconto.
Nella vita non facciamo che raccontare ad altri, e a noi stessi, la versione estremamente soggettiva di ciò che esperiamo. Talvolta tali racconti possono anche alterare la mera realtà oggettiva degli accadimenti. Perché sempre impera la nostra visione che talvolta distorce.

Charade 18 gennaio 2016 17.31
Che ci sia una distorsione personalizzata nel proprio discorrere è indubbio ed inevitabile , chiamasi appunto personalizzazione o impronta delle proprie singolarmente doppie, imprescindibili eliche - Pur sapendolo , o al contrario tenendolo ben presente , a maggior ragione , si deve tendere ad oggettivare quanto più possibile , quel mondo che sia necessario esser tra tutti e tanti comune ,,, altrimenti sarà : dissociata fantasia , galoppante multi-frenia; singola se è soliloquio o alla stessa maniera , singola di coppia , se ci si considera parte o metà dell'altra/altro , indipendentemente se l'altro/altra , sia : l'amica/o, l'amante, la conoscente , il gruppo : esperante , raccontante o confidante che stia …

Eletta Senso19 gennaio 2016 08:23
Esiste sempre la caduta nella distorsione soggettiva. Pensa che ieri una persona a cui son stata vicina considerato il suo momento di crisi acuta, ieri mi ha chiesto se ero innamorata di lui. Prendendo lucciole per lanterne. Equivocando. Non avendo la minima consapevolezza del suo stato e del suo modo di essere così urticante che esclude totalmente un possibile innamoramento. Ego talmente gonfiato da credersi appetibile. Mah. Di questo, magari, scriverò oggi.

Charade 19 gennaio 2016 17.31
In tale materia , i giochi delle adolescenziali psiche, conducono spesso a prender briciole per gocciole … affrancarsi da esse , se non ce l'hai , lo fai … Il rischio appunto è creare o dare aspettative differenti ,,, è pur vero anche che nell'ambito dei suddetti giochi, bisogna comunque saper giocare , da una parta all'altra -

Non si può vedere ,ad esempio, psiche femminili o maschili che giocano coi sentimenti opposti o contrapposti, dicendo alla fine : ma cosa hai capito ?,,, senza chiedersi ulteriormente o paritariamente : cosa ho dato a capire?,,, Se da una parte si rischia di peccare d'orgoglio , dall'altra il peccato da riconoscere è quello della presunzione -

In un vecchio film datato , dove un american gigolò , forte della sua esperienza , realizzò come i segni ed i segnali della ambigua donzella lì di turno , fossero appunto non chiari - Da gentleman quale egli era o si riconosceva , se ne scusò , foss'anche che ben difficilmente poteva sbagliare ,,, la controparte ,nella finzione scenica o nella realtà comunque fedelmente rappresentata , tuttavia non lo fece !

Nel cinema della vita , molto spesso si viene educati nel dover riconoscere , come il rapporto a due sia ben differente dal rapporto a più di due o di gruppo ,,, Ben differente è il caso di Tizio che esca vis-a-vis con Sempronia , dal caso di Caio che esca insieme con Sempronio e Tizia -

Nei rapporti a due , discendere in personalissime confidenze , magari supportate da toni di voci abbassate nel caso di rapporti diretti , presuppone una ineludibile “intimità” cosciente o no che sia , confusa o confondibile in mille rivoli diffusi o soffusi negli ambigui giochi , se non regolati , delle adolescenziali ed istintive menti - 
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Charade il Gio 21 Gen 2016, 18:23

Qui le ultime  "gesta" : 
  da L'ombra del moscerino già citato 
http://tranellidiseta.blogspot.it/2016/01/l-del-moscerino.html
Un moscerino si piazza sull'orecchio di un bue e gli dice:
- Vengo ad abitare qui.
Il bue continua a lavorare facendo la sua solita vita, senza accorgersi della presenza del nuovo inquilino. Un bel giorno il moscerino gli annuncia in tono categorico:
- Mi sono stancato di te! Me ne vado!
Impassibile, senza neppure accorgersi di essere stato abbandonato, il bue continua a lavorare, come al solito.
( Esopo )
+
Un granello di sabbia decide di fare una passeggiata nel deserto del Sahara.
Dopo avere rotolato per un po', preoccupato dice tra sè:
- Ho l'impressione che qualcuno mi segua.

Che hanno in comune le due favole? Hanno in comune il punto di vista dell'egocentrico.
Alcune persone sono talmente immerse nella nebbia del proprio ego da non vedere l'altro esattamente così com'è e lo trasformano in uno schermo delle loro proiezioni.
Il moscerino crede di essere così importante e neppure s'avverte di essere un ospite la cui presenza non è determinante per la placida vita del bue. È il moscerino che si lascia trasportare e usa il grosso corpo, non viceversa. Il granello non si rende conto di essere solo un granello di sabbia tra miliardi di uguali.

Occorre prestare molta attenzione al fenomeno della proiezione. Spesso, e neppure ne siamo consapevoli, versiamo sugli altri ombre soltanto nostre.
Se un moscerino sta vicino, troppo vicino, alla lampada del proprio Ego proietterà un'ombra grandissima e penserà di essere veramente così grande.
Quando diciamo a un altro: - Sei .... E qui segue una serie interminabile di aggettivazioni, stati emotivi, giudizi, è bene che si faccia un serio esame di coscienza per verificare se quegli aggettivi, stati emotivi e giudizi in realtà non appartengano a noi. Per liberarcene li buttiamo sugli altri.

Scrive Alejandro Jodorowsky in Cabaret Mistico:
Dare la colpa a qualcun altro è un atteggiamento cui ricorre con frequenza chi non lavora per domare i propri ego. Ogni giorno cerca di sapere chi sia il responsabile di quello che gli è successo, senza rendersi conto di essere lui il complice principale, per non dire l'artefice del problema.

Mentono a se stessi. Fanno del male a chi li circonda e si rifiutano di riconoscerlo.
Non si assumono la responsabilità dei propri gesti ma si giustificano compiaciuti.
Combinano disastri e poi adducono mille scuse.

Quando la smettiamo di dare la colpa agli altri, ritroviamo noi stessi.
È un grande passo riconoscere che siamo responsabili di quello che ci succede.

re charade Wed 20 Jan 18 17.37
Anche qui , come in altra occasione , proviamo a trascrivere le favole in diversa contemplazione :
Titolo : indifferenza figlia dell'indolenza ed invadenza figlia della tracotanza ? 
Un bovino indifferente accolse distrattamente , così come tutta la sua vita , un invadente dittero ; ambedue vittime o carnefici della propria relativa stazza , si comportavano quindi in adeguata loro maniera - 
A scuoterli dal loro torpore senziente , fu una goccia rinfrescante d'acqua di mare … una delle tante , abbastanza umile per considerarsi piccola nella forma, ma grande nell'insieme della sua molecolare struttura riequilibrante - 

Una o più d'una di queste molecole , si insinuò come necessitante dubbio , nell'occhio e nell'orecchio dei due fauni , provocando estasiato tremore simile a quello di novelli Ciauli di fronte ad una specchiata lunare nuova visione …

Morale della tavola ( uhmmm no , non era la tavola) :
Fusse-ca-fusse , che invece di guardar ognuno l'altro/l'altra, ci si guardasse prima dentro noi stessi ? 
Si eviterebbe perlomeno d'inoltrarsi in irrisolvibili ( come si fa a dimostrarli ?) manie o patie che tanta fortuna apportano a preti confessori o psicologici narratori, professioni curiosamente simili - 

Eletta Senso20 gennaio 2016 19:01
Se conosci Jodorowsky è l'unico che, nelle sue riflessioni, allerta dalla dipendenza dai cosiddetti guru, preti confessori o psicologici narratori che siano. Guardiamoci dunque dentro.

Th 21 Jan 18 17.350
No , non lo conosco,,, lo conoscerò ,,,
e guardandolo dentro se simile , ti dirò … 


Ultima modifica di Charade il Gio 21 Gen 2016, 18:27, modificato 1 volta (Motivazione : formattazione)
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Charade il Mer 20 Gen 2016, 18:51

Ahh , beh , allora mi scuso io ,,, però nella comunicazione citata , per farsi capire , occorre marcare la fonte della citazione , che non è detto che tutti/tutte conoscono , altrimenti i tuoi riferimenti ed associazioni verbali , potrebbero risultare non comprensibili o generatori di qui-pro-quo , come nel caso corrente -
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Azzurra il Mar 19 Gen 2016, 21:35

Chiarisco subito Ch., prima che ci sia un malinteso Shocked

Io non ho mancato di rispetto a Eletta e neanche ho violato la netiquette.
Nel mio post di oggi ho riportato niente altro che il giudizio dato da Eletta mentre faceva riferimento a Esopo
per la favola del moscerino e il bue (mi pare) - leggi nel suo blog un post odierno -
Ho solo tratto le mie conclusioni sulla condivisa allegoria e mai mi pemetterei di dare del 'moscerino' a nessuno. Quindi non ho nulla di cui scusarmi nei riguardi suoi o di chiunque. zen

Azzurra
Senior
Senior

Messaggi : 4785
Data d'iscrizione : 01.07.13
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Charade il Mar 19 Gen 2016, 19:13

a proposito di Eletta Azzurra Oggi a 11:41 Aec-messaggio num#31151
Io ci casco, lo so, nelle provocazioni ma senz'altro e' xke' mi va e sono incuriosita da chi non e' banale.
Suppongo che la provocazione che dici derivi dalla messaggera -

Cosi', a forza di daie-e-daie con l'insistenza nel pubblicizzare un blog, spesso vado a leggere.
Attenzione che non è obbligatorio entrare in questo titolo che la sola cosa che pubblicizza è un postato messaggio -

Scritto bene, spaziando con voluto o non voluto sfoggio di cultura a trecentosessanta gradi dall' arte alla poesia poi alla filosofia e via %
Concordo sulla analisi vs la presunta psicoanalista , ma non concordo sul degrado delle offese personali dove queste non reciproche - La netiquette , qui od altrove andrebbe mantenuta - 

Pero' lo psicoter. Ti lascia parlare e tace mentre la' e' solo lei che racconta a mo' di manuale ? No.
Guarda che stai affrontando il coro per le urna ,,, (uhmm non era coro ) … issa fa quel che ha sempre fatto ed altri capitoli aperti ora sono stati chiusi ,,, quindi guarda avanti anche tu -

Un po' lei spara sulle persone che la leggono, dal gradino piu' alto della propria/sua esperienza anche dolorosa del suo vissuto, io %
Se stai a guardare solo le sue qualità di messaggera, perdi di vista il tuo messaggio che dovresti invece portare avanti- 

Ps - vuoi vedere che essendo io interessata e magari sentita chiamata indirettamente, da lontano.. in causa , anche%
Attenzione a non cadere nella trappola tipica del : “so chi sei e cosa hai fatto” , usuale modo di agire ad esempio degli oroscopi , dove sparando a zero a destra ed a manca , qualcuna/o, “cogli” sempre - 

Azzurra Oggi a 00:07 Aec-messaggio num#31149
Non e' il messaggero ma il messaggio quello che ci dovrebbe interessare. Ma si puo' scindere l'uno dall'altro
Certo che si può scindere, anzi si deve , altrimenti ti perdi !
e poi perche' farlo e come?
Perché se non lo fai allora perdi di vista il tuo messaggio, ossia guardi sempre il dito e non la luna che esso indica-Il come è una conseguenza del proprio essere o voler essere -

Il messaggio, per esempio, che ci arriva da voi due sul - raccontare/si e confidare - personalmente non mi ha apportato nulla di piu',%
Comincia a distinguere i messaggi delle e dalle persone … Io dico cosa diversa ,,, 
C'è chi racconta solo se stesso/a per se stesso/a ,,, e da qui ne subisce appunto l'imputazione di egotismo ,,, e chi invece liberandosi del proprio ingombrante io , racconta altro per altre/altri - Una differenza enorme a non volerla vedere- 

Io racconto di me in pubblico il mio e quello che mi arriva dagli altri che e' solo la mia percezione.
Beninteso , fai ciò che liberamente vuoi , però tieni presente il pericolo del giudizio negativo che qualcuno/a ti potrebbe evidenziare -

Sempre io racconto di me e difficilmente, ma puo' capitare!, degli 'affari intimi' di un confidente ma solo per essere ascoltata e per senti%
Qui mi dimostri anche tu , che la distinzione ulteriore tra raccontarsi e confidarsi tra pubblico e privato non la stai separando - Non importa ovviamente quello che tu fai o non fai , ma come consideri i 3 termini in rapporto alla conoscenza pubblica o privata che disponi - 

Non si e' detto nulla di nuovo che sconvolga la mia azione.
Come no! La differenza tra : raccontare , raccontarsi e confidarsi come qui sviluppata ed articolata coi vari distinguo , ancora non mi sembra ben recepita o accettata -

Azzurra Ieri a 22:42 Aec-messaggio num#31148
Ch tu continui a fare riferimento a "un progetto" che alla fine é tuo e della Eletta -
Chi l'ho ha mai detto ?

che é assente ma altroché se é qui presente - (mi ricorda altra situazione) e ci vorresti instradare in quella direzione e verso quella illumi%
Ohilà nessuna imposizione, ma quando mai ,,, ignoratela come avete fatto pubblicamente con l'Ariel se volete - 

Terra a terra, detto proprio chiaro e nitido, da me (parlo per me) che cosa vuoi?Che cosa dovrei fare?
Da cielo a terra o viceversa , fai liberamente quello che credi -

A me non sembra che la signora eletta stia là bramosa di confrontarsi con me o con altri qui, mi pare che le basti chattare pubblicament%
Secondo me stai puntando all'obbiettivo sbagliato , che non è issa ( la messaggera ) ma isso il messaggio - 

Tieni conto che qui, te lo ripeto, nessuno/a si sente "meno" di te o di lei. 
Se lo vedi in lei , allora vaglielo a dire vis-a-vis , mi sembra che non si sottragga finora - 

Anzi tu ci dovresti in un certo senso portare alti e non lei sù e noi come potenziali discepoli suoi, dopo il tempo trascorso con te. Ma fors%
No purtroppo non capisco !... Qui l'unica cosa da portare alto è il proprio pensiero senza guardarsi a dx o sx ,,, e tu per me , che credo di conoscere , sei già potenzialmente “alta” , solo se non ti abbassi a questi confronti dove tutti siamo maestri e discepoli di noi stessi - 

Se ho ben capito, il progetto sarebbe una continua ricerca di conoscenza, in questo caso quella interiore e poi verso altri mondi e lei é col%
Lo è sempre stato da quando in maniera brusca mrs Jaune me ne chiese conto - 

LA ELETTA, ...micacotechini.
Eletti potremmo essere un po'' tutti/tutte , basta volerlo -
E se a me non interessasse il vostro progetto? Se avessi voglia di altro?
Ok , fai liberamente l'altro che vorresti - Ad esempio , come era successo nei primi tempi con lo “sperem” , ri-viaggia in lungo ed in largo per tutto il restante Aec , senza fissarsi solo su un titolo -

Il mondo é grande e il web pure. Allora se non siamo compatibili o se io voglio godere ...dell'aria e tu e lei aspirate ad altro elemento, %
Ma che conclusioni stai obliterando ? 
Qui non c'è nessuna esclusione ,,, non t'interessa questa sezione ? Ce ne sono altre a tua libera interpretazione , lì io ci sarò come in base al mio tempo disponibile ci sono per il resto - 
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

a proposito di Eletta

Messaggio  Azzurra il Mar 19 Gen 2016, 11:41

Io ci casco, lo so, nelle provocazioni ma senz'altro e' xke' mi va e sono incuriosita da chi non e' banale.
Cosi', a forza di daie-e-daie con l'insistenza nel pubblicizzare un blog, spesso vado a leggere.
Scritto bene, spaziando con voluto o non voluto sfoggio di cultura a trecentosessanta gradi dall' arte alla poesia poi alla filosofia e via via, mi sembra quasi sempre di entrare nella stanza di uno psico-terapeuta: ego-centrismo e' l'argomento principe. Oggi lei racconta del moscerino alias la quasi nullita' che si ritiene invece importante, facendo in modo che la spropositata luce del proprio Ego proietti un'ombra che non e' conforme al reale piccino e tapino.
Pero' lo psicoter. Ti lascia parlare e tace mentre la' e' solo lei che racconta a mo' di manuale ? No.
Un po' lei spara sulle persone che la leggono, dal gradino piu' alto della propria/sua esperienza anche dolorosa del suo vissuto, io credo.
Il mio difetto principale, secondo una mia ex, e' proprio l'egocentrismo.
Ovvio che mi interessi leggere.

(Ora devo andare, proseguiro')

Ps - vuoi vedere che essendo io interessata e magari sentita chiamata indirettamente, da lontano.. in causa , anche
X questo sono proprio una ego-centrica?


Ultima modifica di Azzurra il Mar 19 Gen 2016, 21:40, modificato 2 volte (Motivazione : aggiunto ps ecc.. + aggiunto 'lei racconta'... = non era chiaro!)

Azzurra
Senior
Senior

Messaggi : 4785
Data d'iscrizione : 01.07.13
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Azzurra il Mar 19 Gen 2016, 00:07

Non e' il messaggero ma il messaggio quello che ci dovrebbe interessare. Ma si puo' scindere l'uno dall'altro e poi perche' farlo e come?
Il messaggio, per esempio, che ci arriva da voi due sul - raccontare/si e confidare - personalmente non mi ha apportato nulla di piu', non mi ha accresciuta, se non nelle espressioni e vocaboli diversi da quelli usati da sempre.
Io racconto di me in pubblico il mio e quello che mi arriva dagli altri che e' solo la mia percezione.
Sempre io racconto di me e difficilmente, ma puo' capitare!, degli 'affari intimi' di un confidente ma solo per essere ascoltata e per sentire un altra opinione da confrontare con la mia.
Non direi mai: 'questa confidenza tienila x te, non raccontarla aldifuori...'
1 - sarebbe irrispettoso verso colui col quale mi sono aperta.
2 - sarebbe una mia pretesa che potrebbe non venire rispettata x infiniti motivi senza x questo avere io il diritto di gridare al tradimento.
In pratica e arrivando ai fatti: io racconto e mi racconto in pubblico e in intimo e NON mi confido, nel significato spiegato qui sopra.
Non si e' detto nulla di nuovo che sconvolga la mia azione.

Azzurra
Senior
Senior

Messaggi : 4785
Data d'iscrizione : 01.07.13
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Azzurra il Lun 18 Gen 2016, 22:42

Ch tu continui a fare riferimento a "un progetto" che alla fine é tuo e della Eletta - che é assente ma altroché se é qui presente - (mi ricorda altra situazione) e ci vorresti instradare in quella direzione e verso quella illuminata persona, non imponendocelo, vero?


Terra a terra, detto proprio chiaro e nitido, da me (parlo per me) che cosa vuoi?
Che cosa dovrei fare?


A me non sembra che la signora eletta stia là bramosa di confrontarsi con me o con altri qui, mi pare che le basti chattare pubblicamente con te, insomma mi sembra soddisfatta così. Io la apprezzo e anche la critico, non mi sta antipatica se non me la fai diventare tu con la tua insistenza.
E poi - tu lo sai benissimo - che noi qui siamo così diversi da lei, non opposti né complementari.
Sono presuntuosa: non ho nulla da imparare dalla Eletta più di quanto lei da me.
Forse la Teti é la più affine a lei.
E' un bel dilemma oppure é facilmente risolvibile, mah..
Tieni conto che qui, te lo ripeto, nessuno/a si sente "meno" di te o di lei. Anzi tu ci dovresti in un certo senso portare alti e non lei sù e noi come potenziali discepoli suoi, dopo il tempo trascorso con te. Ma forse non capisci o non mi spiego.
Se ho ben capito, il progetto sarebbe una continua ricerca di conoscenza, in questo caso quella interiore e poi verso altri mondi e lei é colei che da te é vista ora e in un "addiveniente" prospettiva futura ---LA ELETTA, ...micacotechini.
E se a me non interessasse il vostro progetto? Se avessi voglia di altro?
Il mondo é grande e il web pure. Allora se non siamo compatibili o se io voglio godere ...dell'aria e tu e lei aspirate ad altro elemento, che faccio, mi devo decidere a cambiare strada?

Azzurra
Senior
Senior

Messaggi : 4785
Data d'iscrizione : 01.07.13
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Charade il Lun 18 Gen 2016, 18:15

Progetto che può diventare anche tuo se tu lo voglia o lo capisca , poiché i temi generali qui trattati e da cui tu sfuggi , degradando solo sulle persone , appartengono a chi ( chiunque esso/essa sia ) voglia avere il senso per addivenire un aspirante eletta/eletto nel cammino della conoscenza - micacotiche !
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Tara il Sab 16 Gen 2016, 19:20

Nello scavante itinerante progetto , ecco qui il proseguo del corrente concetto : 
Progetto tuo ..non nostro.

Tara
Senior
Senior

Messaggi : 6796
Data d'iscrizione : 10.07.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Charade il Ven 15 Gen 2016, 19:36

Nello scavante itinerante progetto , ecco qui il proseguo del corrente concetto : 

Eletta Senso15 gennaio 2016 09:11
Quindi tu ti ritieni conoscibile? Io no. Non totalmente almeno.
La fiducia sta nel fatto pratico e semplice che, se confido un fatto intimo al un amico o amica chiedendo di non divulgare, mi aspetto che lo faccia. Altrimenti il segreto o confidenza rimbalza di bocca in bocca e tanto vale mettere manifesti sui muri.

Ch 15 gennaio 2016 18.00
Al di là di cosa relativamente ci si ritenga: conoscibile è ciò che si conosce , inconoscibile ciò che non lo è !
A parte questi aspetti conoscitivi, credo di capire l'aspetto pratico… ma rimane pur sempre da definire il -perchè- si senta tal bizzarro bisogno ; praticamente è un'ammissione silente di ns insufficienza a risolvere tal personali problemi ?,,, Mettiti nei panni d'altre/altri che forse avranno da risolvere anche i loro,,, No, non è mancanza di solidarietà , ma donare una pre-visione di possibile corretta ambivalente soluzione - 
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10639
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 39
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Il senso di una aspirante eletta

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 4 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto

- Argomenti simili

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum