LA MUSICA IN OGNI TEMPO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: LA MUSICA IN OGNI TEMPO

Messaggio  annali il Dom 01 Lug 2018, 14:35

Una canzone composta da autore sconosciuto nei primi anni del 1900... 
Divenuta molto popolare, entrò nel repertorio di molti cantanti italiani e stranieri...
Una versione, qui, tutta personale di Amalia Rodrigues...   



annali
Senior
Senior

Messaggi : 7702
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: LA MUSICA IN OGNI TEMPO

Messaggio  annali il Ven 11 Mag 2018, 03:55

Dmitri Shostakovic (Russia,1906-1975)

Tea for Two, scritta nel 1924 da Vincente Youmans,compositore americano, per il musical “No, No, Nanette”, divenne molto popolare in Europa, raggiungendo grande successo anche nella lontana Unione Sovietica. Ribattezzata Thaiti Trot, la canzone raggiunse un’incredibile popolarità, tanto che un giorno del 1928, Dmitri Shostakovic fu sfidato dagli amici a trascrivere per orchestra in meno di un’ora la canzone del momento. Il giovanissimo compositore, già celebre per la sua rapidità di lavoro e l’incredibile capacità di concentrazione, si ritirò in un’altra stanza uscendone quaranta minuti dopo consegnando la sua Thaiti Trot personale. 

 

annali
Senior
Senior

Messaggi : 7702
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: LA MUSICA IN OGNI TEMPO

Messaggio  Yellow il Gio 25 Lug 2013, 23:10



Dmitri Shostakovich è stato un importante compositore di musica classica orchestrale del XX secolo. 
Nelle sue 15 sinfonie, 15 quartetti e in altri lavori ha dimostrato la padronanza delle forme più grandi e impegnative con musiche di eccezionale potenza emotiva e invenzione tecnica ... 

Dal film "Anna Karenina" con Sophie Marceau e Sean Bean, 1997


Ultima modifica di annali il Ven 11 Mag 2018, 02:55, modificato 1 volta (Motivazione : Sostituito video non più supportato)

Yellow

Messaggi : 349
Data d'iscrizione : 11.07.13

Torna in alto Andare in basso

LA MUSICA IN OGNI TEMPO

Messaggio  annali il Gio 25 Lug 2013, 23:07


 
 
Fra gli ultimi rappresentanti della generazione romantica, troviamo Riccardo Strauss, Bruckner, Mahler, Chaikovski, attivi quando già irrompe l’impressionismo musicale di Debussy e di Ravel.


L’Italia nell’ottocento ha visto una ricca fioritura di compositori di opere liriche: Bellini, Donizetti, Rossini, che crearono il tipo dell’opera di andamento leggero, e uno dei più importanti operisti italiani, Giuseppe verdi, che ha dominato il teatro musicale per tutta la seconda metà dell’ottocento.
Egli seppe fondere nella sua musica le grandi tradizioni italiane del bel canto con elementi popolareschi, riuscendo a creare opere di rara potenza drammatica per la carica sentimentale trasfuse nei suoi personaggi. Fra le sue numerose opere da ricordare Nabucco, Rigoletto, Traviata, Aida, Otello, Falstaff.


Infine, con Mascagni, Puccini, Leoncavallo, Boito, l’opera italiana sfocia nel verismo soggiacendo alle suggestioni delle nuove tendenze naturalistiche. 



Ultima modifica di annali il Lun 18 Dic 2017, 18:15, modificato 2 volte

annali
Senior
Senior

Messaggi : 7702
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

LA MUSICA IN OGNI TEMPO

Messaggio  annali il Gio 25 Lug 2013, 19:43


 
Gli antichi consideravano la musica e il canto come un dono divino ed attribuivano a varie divinità l’invenzione dei loro strumenti musicali.
 
Al pari degli altri popoli dell’antichità pure i greci nutrirono grandissimo culto per la musica, tanto che nelle cerimonie religiose e in qualsiasi manifestazione importante, era considerata elemento fondamentale.
 
Minor interesse invece provarono i romani, che la ritennero semplicemente  un mezzo di divertimento.
 
Dall’antichità pagana derivò la musica nel cristianesimo. Ad esempio, nel canto liturgico confluirono e si mescolarono, tradizioni greco- romane ed ebraiche.
 
Promotore del canto liturgico fu il vescovo di Milano Sant’Ambrogio e il riformatore di tutta la materia del canto sacro fu papa Gregorio Magno, da qui il nome “ canto gregoriano”.
 
Nei primi secoli del secondo millennio si assiste ad un fermento nel campo musicale, che dovrà sfociare, attraverso vari e riusciti tentativi  al superamento delle forme del canto gregoriano con una maggiore libertà della melodia e con un arricchimento della musica strumentale.
 
Nel cinquecento si conclude l’opera di rinnovamento intrapresa nei secoli precedenti, ed è il seicento che raccoglie i frutti di tanti fermenti di figure di primo piano, quale Claudio Monteverdi, l’alfiere della musica moderna.
 
Il settecento si caratterizza principalmente per il trionfo della sonata, dell’opera buffa e della musica strumentale.
L’Italia si avvale di una nutrita schiera di compositori di grande talento, da Vivaldi, Tartini, Pergolesi, Scarlatti, Cimarosa, Paisiello.
Giovanni Sebastiano Bach, Haendel e Gluck in Germania.
 
Il processo di evoluzione di cui questi artisti sono gli alfieri culminerà alla fine del secolo nel periodo classico, nelle forme universali di Mozart, Haydn, Beethoven.
Nell’ottocento un nuovo clima spirituale e romantico invade il campo della musica, determinando e condizionando le espressioni artistiche legandole allo spirito del loro compositore.
 
Da ricordare Giovanni Brahms, Schubert, incomparabile compositore di musica da camera, Schuman, Mendelshon, Chopin e Listz, cultori di raffinate composizioni pianistiche, Berlioz, grande strumentatore del secolo, Riccardo Wagner, creatore del nuovo dramma musicale e uno dei maggiori operisti del secolo.
 
(continua....)


Ultima modifica di annali il Lun 18 Dic 2017, 18:32, modificato 1 volta (Motivazione : Colore testo e sostituito video)

annali
Senior
Senior

Messaggi : 7702
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: LA MUSICA IN OGNI TEMPO

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto

- Argomenti simili

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum