L’IMPERO DEGLI INCAS.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: L’IMPERO DEGLI INCAS.

Messaggio  Charade il Mer 12 Ott 2016, 19:12

Le civiltà precolombiane (maya in testa) perdute o meno , rappresentano comunque una conferma ( o un mistero?) di come gli umani di qualsiasi latitudine considerata , sviluppino tutti gli stessi prospetti o progetti di tutti gli altri che li hanno preceduti o succeduti , in particolare la mitizzazione dei capipopolo che gira o rigira in funzione del potere acquisito , determinano la deriva nella divinizzazione ,,, Così è stato per gli antichi egizi , passando poi per il divo Cesare o il presunto re dei re ebraico ... su su fino ai divini imperatori d'oriente o ai moderni regnanti anacronistici , Windsor uk land in testa ... anche se qui fa più parte l'esaltazione mediatica di tutto un popolo ... 
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 10088
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 38
Località : Modena/Milano

Torna in alto Andare in basso

1492, la data che ha cambiato la storia

Messaggio  misterred il Mer 12 Ott 2016, 12:31

avatar
misterred
Senior
Senior

Messaggi : 5214
Data d'iscrizione : 11.10.13
Età : 59
Località : Sacro Monte

Torna in alto Andare in basso

L’IMPERO DEGLI INCAS.

Messaggio  annali il Mer 07 Ago 2013, 20:14


 
 
Quanto si conosce degli Inca è solamente ciò che essi riferiscono nella loro storia “ricordata” e nella mitologia.
 
La storia ricordata riporta che vennero dal lago Titicaca, o dai dintorni, che dopo peregrinare vennero nella valle di Cuzco dove posero le basi del loro impero.
Questo è il fatto confermato dall’archeologia.

Nella reminescenza leggendaria si narra che il dio Sole creò il primo Inca, Manco Capac e sua sorella, sul’isola nel lago Titicaca. Il dio Sole  ordinò loro di partire e di insegnare le arti della civiltà a tutti gli altri popoli che ancora vivevano nella barbarie.
A Manco Capac fu data una verga d’oro con il comando di piantarla nel terreno  trovato tanto fertile in cui  potesse affondare  fino a scomparire dalla vista.  Là, egli avrebbe costruito la sua città.
Giunti a Cuzco, Manco è commosso da ciò che vede, lancia la freccia d’oro, che affonda fino a scomparire, e nasce la sua città.
 
Non si conosce l’epoca precisa della comparsa degli Inca,  chiamati Quechua( in quanto la loro lingua parlata  era quechua), si sa che l’intera regione andina era spezzettata in molte unità politiche, ognuna con  un idioma differente ma all’incirca allo stesso livello culturale. Coltivavano le stesse piante, dissodavano la terra con le stesse tecniche e tutte possedevano il lama addomesticato, perciò la versione che gli inca fornirono di se stessi, cioè che furono inviati dal dio Sole per far conoscere la cultura alle altre tribù andine, non trova riscontro nell’archeologia.
 
Gli Inca si estesero e lo fecero allo stesso modo di  tutti gli imperi: con la conquista.
La guerra non era una facciata esteriore per impaurire il nemico, la guerra doveva essere vinta e la conquista doveva essere organizzata.
 
Gli Inca e i loro storici cancellarono tutte la tradizioni precedenti e ben presto, gli esperti che  con i loro “ quipù, passavano e ripassavano la storia, non parlarono più di quanto era accaduto anteriormente ai divini Inca. In tal modo,  grazie alla manipolazione selettiva della storia,  i nobili crebbero con l’unica conoscenza derivata dal punto di vista ufficiale. Ciò li rese pienamente convinti della loro divinità.
 
( Cosa abbastanza naturale, considerando che anche nella civiltà occidentale, fino al secolo scorso, vigeva l’idea che i re  fossero tali per volere divino).
 
 
 
 
 
 
 
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: L’IMPERO DEGLI INCAS.

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto

- Argomenti simili

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum