MUSICA DAL PASSATO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Mer 03 Gen 2018, 17:26

Guillame Dufay  (1400-1474)

Personaggio essenziale della polifonia quattrocentesca, Dufay scrisse musica e ballate con il gusto della contaminazione fra il sacro e il profano, caratterizzanti le molte messe composte, finché i dettami del Concilio tridentino non intervennero a mettere un freno agli “abusi”.
Guillame Dufay ebbe notevoli contatti e ingaggi in Italia, alla corte papale e fra gli altri, anche presso i Savoia e i Malatesta. Fu una personalità internazionale, attenta ai vari influssi, soprattutto quelli derivanti dal florido stile italiano trecentesco.






avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Medio Evo al ritmo di danza

Messaggio  annali il Lun 18 Dic 2017, 15:42

Pierre Attaingnant, vissuto nella prima metà del cinquecento fu uno dei massimi rappresentanti dell’editoria musicale francese. Si mise in luce come stampatore di musiche, tanto da essere chiamato a svolgere a corte la sua attività, soprattutto per il genere delle danze di cui ebbe il merito d’intuire l’eccezionale popolarità.
La fama raggiunta in vita per l’innovativa introduzione dei caratteri mobili gli permise, da “stampatore del re”, di ottenere una posizione invidiabile per quei tempi.
L’attribuzione al suo nome di alcuni brani celeberrimi testimoniano la notorietà raggiunta da questo personaggio, il quale, da stampatore musicale fu elevato a creatore  di alcune delle più belle musiche per danza.
 
 




avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Girolamo Frescobaldi

Messaggio  annali il Lun 18 Dic 2017, 03:41

Sin da giovanissimo, Girolamo Frescobaldi si distinse come virtuoso dell’organo e di numerosi altri strumenti.
 
 Fra i protagonisti della musica di tastiera occupa un posto di primo piano per aver saputo, con perizia tecnica e innato genio creativo, raggiungere il giusto equilibrio tra la tradizione e le nuove tendenze che nella musica stavano gradualmente sfociando nella stagione barocca.
 
Ferrarese di nascita, ma romano d’adozione, è a Roma con le numerose basiliche e l’attività a esse legata, che mosse i primi passi all’inizio del Seicento. Divenne prima organista a S. Maria in Trastevere, per passare poi a San Pietro dove rimase organista titolare per quasi vent’anni.
 
La sua produzione fu data alle stampe in una serie di fortunate raccolte, dedicate ai principali generi per tastiera  come il “ricercare”  la “toccata” i “capricci”, senza dimenticare il suo contributo nel campo della musica vocale.
 
 Un musicista celebrato in vita e dai posteri per un linguaggio compositivo  originale, che lo ha portato ai vertici della produzione strumentale.  

 
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Jacobus Clemens non Papa

Messaggio  annali il Sab 25 Nov 2017, 03:15



Vissuto nella prima metà del XVI secolo, il compositore fiammingo, nonostante abbia  lasciato centinaia di opere, poco o nulla si sa della sua vita. Questa mancanza di dati ha determinato la scarsa attenzione degli studiosi moderni per un personaggio che ebbe una carriera e un’attività compositiva di prim’ordine, i cui esiti riflettono una personalità capace di precorrere di decenni gli sviluppi della musica.
La sua vasta creazione musicale incontrò i favori del pubblico e l’attenzione di alcuni famosi editori musicali dell’epoca.
I temi erano spesso tratti dalla tradizione popolare, con strutture polifoniche piuttosto semplificate. La facilità esecutiva li rese estremamente popolari e diffusi in tutta l’area fiamminga e germanica.

La sua produzione sacra in lingua  latina, si rivolge ai due generi  più importanti della liturgia cattolica: la Messa e il mottetto, dove tratta linee vocali e dissonanze in modo raffinato.
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

La raffinata musica del seicento

Messaggio  annali il Sab 18 Giu 2016, 02:03

La raffinata musica profana di Rolando de Lassus, noto in Italia come Orlando di Lasso, giustifica appieno la fama conosciuta in vita da questo compositore fiammingo. (1532, Mons, Belgio – 14 giugno 1594, Monaco di Baviera).
La sua melodia si innesta su un di un gusto nuovo per la musica. Uno dei suoi brani più significativi è la chanson  “Je l’ayme bien et l’aimerai”




avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Così cantavano gli uomini nell'epoca medievale

Messaggio  annali il Ven 03 Giu 2016, 22:08

Philippe Jaroussky, cantante francese, noto per i suoi virtuosismi canori e per le interpretazioni di cantate barocche e di brani d’opere.
Rifacendosi all’epoca della musica medievale e rinascimentale, dove le interpretazioni vocali erano affidate a voci maschili con parti da soprano e contralto.
Nella sua interpretazione di “Lascia che io pianga, dall’ opera “Rinaldo” di Händel


Eccezionale veramente...
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

"Lascia che io pianga"

Messaggio  annali il Mer 01 Giu 2016, 15:09

Dall’ “ Ópera Rinaldo”, di G.F. Händel - Intérprete : Meninas Cantoras da Petrópolis. 
BRUXELLES.



 

avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Lun 04 Gen 2016, 22:56

Walther von Vogelweide – 1170 circa-1230

È stato il più famoso poeta medievale tedesco. I suoi versi sono di notevole interesse storico ma molti critici tedeschi furono portati spesso a esagerare nel valorizzarli. Videro, tra il XIX e l’inizio del XX secolo, le loro aspirazioni imperiali e i loro pregiudizi anti-papali riflessi in questo patriottico poeta del medioevo.

Le sue liriche dedicate all’amore sono solitamente considerate di maggior pregio e di più duraturo valore. I contemporanei lo acclamarono come loro maestro dei canti.

 
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Lun 18 Ago 2014, 23:32




L’ARS  NOVA di Guillaume de Machaut. (Reims 1300-1377)
 
Guillaume de Machaut, poeta e compositore di musiche in una vasta gamma di stili e forme, dette grande impulso al movimento musicale definito  “Ars Nova”. La sua produzione, la più alta dell'espressione francese, contiene quarantadue ballate, diversi rondò, composizioni liturgiche, tutte opere particolarmente raffinate.



 
 


Ultima modifica di annali il Mar 19 Ago 2014, 00:22, modificato 1 volta (Motivazione : errata impostazione)
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Sab 26 Lug 2014, 17:49



Il Medioevo fu un periodo molto importante per la storia della musica, per la nascita della scrittura moderna e della polifonia, la diffusione della musica profana e il perfezionamento degli strumenti musicali. 
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Lun 14 Lug 2014, 23:33


(RAFFAELLO: IL PARNASO)

MUSA LATINA: Invention de l’Antique


Una raccolta che si propone il recupero della classicità, ovvero l’evolversi dei repertori musicali dai primi secoli  del Medioevo  all’età d’esordio del periodo rinascimentale.
Nell’antologia “Musa Latina” si respirano le variegate sonorità degli strumenti medioevali, con le musiche che risentono fortemente della metrica latina alla quale s’ispirano, nel desiderio di ricreare l’antico potere della musica sull’uomo. Una visione tutta pagana dell’uomo al centro dell’universo, attraverso il recupero della cultura classica che ha profondamente segnato il Rinascimento. Cambia dunque, anche l’approccio del compositore, che tenta di recuperare modalità esecutive musicali perdute.
Nel brano dell’ensemble "Daedalus” la direzione attenta e raffinata è del maestro Roberto Festa, che si alterna anche al flauto e alle percussioni.
 
 
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Lun 07 Lug 2014, 01:08

JACOBUS VAET
 
Compositore fiammingo attivo nel XVI secolo può essere ritenuto un precursore della contaminazione che oggi fa la fortuna di tanta Word Music.
Uno degli elementi che hanno contraddistinto la produzione sacra del XV e XVI secolo è stato l’uso di “contaminare”, in modo più o meno evidente un brano sacro con motivi musicali tratti da altre opere. In gran parte nei compositori di quelle epoche è riscontrabile la disinvoltura nell’appropriarsi di materiale musicale altrui, gesto che, a quanto pare, era motivo di vanto per colui che originariamente aveva composto il brano plagiato. Infatti, i protagonisti della cultura musicale si rimandano l’un l’altro, imitandosi, in un raffinato gioco di rinvii musicali.
Nasce così una ricca tradizione di messe – parodia, in cui un brano sacro esistente diventa l’elemento d’ ispirazione, la struttura portante per la creazione di nuove messe.
Jacobus Vaet fu discepolo di Jacob Clemens Non Papa. Personalità poco nota al grande pubblico, Vaet raccoglie in sé tutta la tradizione della grande scuola polifonica fiamminga, mostrando una spiccata sensibilità verso la declamazione e l’enfatizzazione del testo cantato.




 
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Lun 23 Giu 2014, 00:47


 
Altro esempio di musica strumentale del Quattrocento
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Dom 22 Giu 2014, 17:33


 
PARTITURE PER TASTIERA DEL QUATTROCENTO
 
Tornando indietro nel tempo riscontreremmo nella storia della musica, la progressiva diminuzione delle fonti di musica strumentale a favore di quelle vocali. Il divario si fece molto più ampio all’avvicinarsi del Medioevo, fatto che non stupisce poiché sin dalla nascita della prima forma di scrittura musicale, i codici, in particolare quelli di destinazione liturgica, sono stati testimoni del solo repertorio vocale, relegando un’eventuale pratica strumentale a una prassi al più orale.
La presenza perciò, di rare fonti di musica strumentale riconducibili al XV secolo assume un certo rilievo, dove spiccano quelle per tastiera incluse nel manoscritto di Buxheimer e Lochamer, redatti tra il 1440 e il 1470. Testimonianza quasi unica di un repertorio che dimostra maturità e complessità di stile sulla diffusione di una pratica organistica e tastieristica in genere. Il Buxheimer Orgelbuch si distingue per la presentazione di singolare scrittura, che riproduce graficamente la posizione delle note sulla tastiera. È questa una delle modalità più diffuse nella scrittura strumentale del XV e XVI secolo, a differenza della musica vocale, in cui predomina  la scrittura su righi musicali.


Ultima modifica di annali il Sab 25 Nov 2017, 15:08, modificato 1 volta (Motivazione : Colore testo)
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Gio 12 Giu 2014, 12:41


 
ALEXANDER ACKERMANN (1445-1506)
 
L’umanesimo fu caratterizzato da una presa di coscienza da parte di intellettuali artisti sul loro ruolo nella società, specialmente nei confronti dell’arte, insieme a un nuovo approccio critico verso l'antichità.Tale presa di coscienza manifestata anche attraverso curiosi comportamenti, come quello di enfatizzare una certa superiorità attraverso il ricorso a lingua aulica, al quale non si ritrasse il compositore fiammingo Alexander Ackermann, utilizzando in nome “Agricola”.
Fu un musicista singolare, da come si deduce dalla biografia particolarmente insolita.
Come molti autori fiamminghi contemporanei, anche Agricola espatriò in cerca d’impiego presso le corti europee e lo trovò, come cantore nella Cappella reale in Francia, sotto la guida di un altro grande compositore della scuola fiamminga, Johannes Ockeghem.
Non vi rimase a lungo attratto verso l’ampia offerta dalle cappelle musicali italiane, all’epoca molto frequentate dai polifonisti fiamminghi. Rimase in Italia sino il 1500, anno del suo ritorno in Francia, dove assunse il titolo di maestro di cappella alla corte di Federico il Bello, duca di Borgogna.
Nell’antologia classica, riproposta dell’autore, spiccano anche alcune chanson popolari, ballate che ripercorrono i temi dell’amor cortese, l’ammirazione per la donna, caratterizzate da ricca linea melodica.
Ackermann morì nel 1506 a Valladolid, a causa di una pestilenza.


Ultima modifica di annali il Sab 25 Nov 2017, 15:07, modificato 1 volta (Motivazione : Colore testo)
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Sab 07 Giu 2014, 02:14



musica di Mateo Flecha 1481-1553

avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Ven 06 Giu 2014, 03:08

 
L’ARS  NOVA DEL TRECENTO
 

Una delle stagioni più ricche nella storia della musica dell'età di Mezzo, è il XIV secolo, un periodo caratterizzato da grandi rinnovamenti tecnici che, dalla scuola polifonica di Parigi si diffusero nel resto dell’Europa.
Come le arti figurative sono dominate dalle innovazioni prospettiche di Giotto, così nella musica si assiste a sviluppi significativi, con la conquista definitiva di un sistema di scrittura musicale. In ambito fiorentino e italico in genere, la ballata e il madrigale furono protagonisti del nuovo clima creatosi, insieme alla cosiddetta “ars nova”, come definirono i teorici dell’epoca la fonte musicale del trecento.
Esistono preziosi manoscritti conservati alla Biblioteca Medicea Laurenziana e in quella Vaticana, che hanno messo in luce nuove fonti e allargate le prospettive e la visione sul trecentesco panorama musicale, ricco al punto da costituire le fondamenta per architetture polifoniche sempre più ricercate e complesse.  


Ultima modifica di annali il Sab 25 Nov 2017, 15:05, modificato 1 volta (Motivazione : Colore testo)
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Mer 18 Dic 2013, 01:33



Ultima modifica di annali il Lun 18 Dic 2017, 17:05, modificato 1 volta (Motivazione : video inesistente)
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Mer 18 Dic 2013, 01:13

Henry Purcell

Nel corso dei secoli il linguaggio musicale si è espresso, in modo più o meno celebrativo, all’esaltazione di un personaggio o di un evento. Un fenomeno, che dal XIV secolo in poi si è gradualmente sviluppato nel Rinascimento, per affermarsi pienamente nel corso del Seicento. Nella tradizione musicale anglosassone trova nell’esaltazione di un re o di un principe, la sua destinazione naturale nella vasta produzione di questo genere specifico.   

Parlando di queste forme musicali è d’obbligo ricordare la figura di Henry Purcell, prolifico autore di musiche di scena e di celeberrime opere, vissuto nella seconda metà del XVII secolo. Definito dai suoi contemporanei come l’Orpheus Britannicus, il maestro Purcell compose le sue opere tutte distinte da straordinaria originalità creativa. Le sue musiche adottano, quasi sempre, una ouverture strumentale spesso in stile francese, con uso frequente degli strumenti a fiato, presenza costante nelle musiche di tipo celebrativo e festoso. Le arie si susseguono secondo schemi che mai sono ripetitivi, con tutta la loro carica emotiva ad accentuare la regalità del contesto per il quale tali musiche furono concepite.
 


Ultima modifica di annali il Lun 18 Dic 2017, 17:32, modificato 2 volte (Motivazione : sostituito video)
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Lun 21 Ott 2013, 00:01



Ultima modifica di annali il Lun 18 Dic 2017, 17:26, modificato 2 volte (Motivazione : inidoneo)
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  annali il Sab 05 Ott 2013, 23:08




Sting canta John Dowland

Le composizioni per voce e liuto sono una miscela perfetta che ebbe grandi interpreti soprattutto nella seconda metà del Cinquecento, sicuramente le più vicine e rappresentative dello spirito della musica cosiddetta “elisabettiana”.
Fin dal XVI secolo, infatti, l’Inghilterra conosce un proliferare di compositori e di una prassi musicale che danno il meglio di sé in questa combinazione vocale strumentale. Rivolta all’intimismo e all’enfatizzazione del sentimento del testo lirico, è una musica che si caratterizza per la dolcezza melanconica, per la delicatezza delle melodie e per le atmosfere raffinate del mondo di corte.
Le musiche, spesso dominate dal tema dell’amore/passione e dal dolore/felicità, sono poste in risalto dalla perizia tecnica del liutista, capace di interpretare appieno lo stile dei più significativi compositori attivi a cavallo dei due secoli, tra i quali, per citarne alcuni, John Dowland, Henry Purcell, William Lawes.


Ultima modifica di annali il Mar 08 Mag 2018, 16:04, modificato 2 volte (Motivazione : giustificato, nuovo video e colore)
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 7470
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MUSICA DAL PASSATO

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto

- Argomenti simili

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum