UFOLOGIA... E DINTORNI...

Pagina 9 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  Semyase* il Mer 26 Mar 2014, 00:24

annali ha scritto:Intendi questa, Semy?
 
La formula di Drake: N=R*.fp.na.fv.fi.fc.D
 
La R è il tasso di formazione stellare, rapportato all’età della galassia; fp è la frazione di stelle che possiedono sistemi planetari; na è il numero medio di pianeti in ciascun sistema planetario con ambienti favorevoli all’origine della vita;fv è la frazione di tali pianeti in cui la vita si è effettivamente sviluppata; fi è la razione di tali pianeti abitati su cui, durante la vita del sole locale, si sono sviluppate forme di vita intelligenti dotate di capacità manipolative; fc è la frazione di pianeti popolati da esseri intelligenti su cui è sorta, durante la vita del sole locale, una civiltà tecnologica e D è la durata media di vita di tali civiltà tecnologiche.
Il problema è definire, in questa formula, il valore dei parametri, che dipendono da molti fattori, alcuni dei quali non verificabili direttamente.
  IN SINTESI SOLO NELLA NOSTRA GALASSIA CI SAREBBERO !
NUMERO DEI SISTEMI SOLARI SIMILI AL NOSTRO 
CHE POTREBBERO AVERE UN PIANETA IN POSIZIONE GIUSTA ,  Unità astronomica tra la stella e il pianeta, ideale per la vita. 
Ottimista: 20% di 5 miliardi = 1 miliardo 

Pessimista: 10% di 100 milioni = 10 milioni

Semyase*

Messaggi : 135
Data d'iscrizione : 17.03.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  annali il Mar 25 Mar 2014, 22:36


 
IL CASO MC KINNON
 
Oltre dieci anni vissuti con la paura di essere estradato negli Stati Uniti.
Il Dipartimento di Giustizia USA, nell’ambito di accordi unilaterali USA-UK, chiedeva la deportazione di Gary McKinnon, per poterlo processare con l’accusa di essere entrato illegalmente nelle reti collegate alla NASA e al Pentagono. Per questo reato era richiesta a gran voce una condanna di 60 anni da scontare  in un carcere di massima sicurezza. Alla stregua, né più né meno di un terrorista.
Quello che McKinnon aveva fatto è quanto ogni giorno una nutrita schiera di “squali” tenta di fare: forzare i sistemi operativi della massima potenza militare mondiale.
La stanza dei tesori, a quanto pare, non era poi tanto inaccessibile, se un ragazzo con la passione dell’ufologia è riuscito, con un software con il quale andava alla ricerca di notizie, ad approfittare della mancanza di sicurezza delle reti governative.
Fu proprio l’Ufo Disclosure del 2001 a far sorgere in lui l’interesse e il desiderio di verificare quanto menzionato da uno dei testimoni chiave del Disclosure Project.
Sembra che nei viaggi in rete possa aver trovato alcune sorprendenti informazioni nelle quali si era imbattuta la comunità UFO in questi anni.
Durante le dimostrazioni a Londra della comunità ufologica, fu posto in chiaro che le scoperte di Gary e le testimonianze del Disclosure Project, preoccupavano i militari USA, nel timore di un cambiamento del modo in cui i media iniziavano a riportare la più ampia questione del Disclosure.
A quel punto, la famiglia e i legali di Gary, per impedirne l’estradizione, adottarono una nuova linea di difesa basata sulla forma di squilibrio mentale, con tanto di referti medici di alto livello, che chiamavano in causa la Sindrome di Asperger.
Naturalmente la nuova linea difensiva, tesa a evitare che il sistema di giustizia degli USA si presentasse a bussare alla porta di casa McKinnon per portarselo via, scontentò il mondo ufologico, convinto fosse necessario portare avanti l’idea che poteri occulti statunitensi e transnazionali stiano nascondendo da anni segrete tecnologie aliene. La decisione del Ministro degli Interni inglese di respingere la richiesta del dipartimento di Giustizia USA, per far deportare Gary negli Stati Uniti, ha chiuso la questione una volta per tutte.
Ciò che rimane è che questo caso ha fatto conoscere la questione UFO a molte più persone di quanto avrebbe potuto fare un nutrito avvistamento di luci nel cielo.
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  annali il Mar 25 Mar 2014, 21:40

Intendi questa, Semy?
 
La formula di Drake: N=R*.fp.na.fv.fi.fc.D
 
La R è il tasso di formazione stellare, rapportato all’età della galassia; fp è la frazione di stelle che possiedono sistemi planetari; na è il numero medio di pianeti in ciascun sistema planetario con ambienti favorevoli all’origine della vita;fv è la frazione di tali pianeti in cui la vita si è effettivamente sviluppata; fi è la razione di tali pianeti abitati su cui, durante la vita del sole locale, si sono sviluppate forme di vita intelligenti dotate di capacità manipolative; fc è la frazione di pianeti popolati da esseri intelligenti su cui è sorta, durante la vita del sole locale, una civiltà tecnologica e D è la durata media di vita di tali civiltà tecnologiche.
Il problema è definire, in questa formula, il valore dei parametri, che dipendono da molti fattori, alcuni dei quali non verificabili direttamente.
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  Semyase* il Mar 25 Mar 2014, 01:21

Ciao Annali c'è anche lui 
Equazione di Drake


Ultima modifica di Mr Fehér il Mar 25 Mar 2014, 18:30, modificato 1 volta (Motivazione : cancellata la citazione e corretto il bold + il size ,,, non serve By admin)

Semyase*

Messaggi : 135
Data d'iscrizione : 17.03.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  annali il Lun 24 Mar 2014, 23:29


 
ALIENI BUONI O CATTIVI?
 
Stephen Hawking, scienziato britannico, suggerisce che la presenza degli alieni è quasi certa, una mera questione statistica: “ Nell’universo”, rileva, “ci sono 100 miliardi di galassie, ciascuna contenente centinaia di milioni di stelle. Non siamo soli, là fuori altre razze intelligenti potrebbero vivere ed è meglio evitare di cercarli  ma piuttosto mettere in atto tutto quanto possibile per evitare qualsiasi contatto. In gran parte la vita extraterrestre potrebbe essere costituita da microbi o animali semplici, le stesse forme che hanno dominato sulla Terra per miliardi di anni, ma creature intelligenti, cosa rappresenterebbero per noi?
Se ci guardassimo allo specchio possiamo immaginare cosa può essere capace di fare una specie intelligente”.
Questa tesi, dell’emerito fisico Hawking, è stata esposta in alcuni documentari televisivi sul Discovery Chanel inglese, dove spiega i misteri dell’universo.
In conclusione, dunque, c’è da sperare che nonostante tutto il chiasso che facciamo nessuno si accorga di noi!
 
MA PERCHÉ UNA RAZZA ALIENA DOVREBBE VENIRE SULLA TERRA?
 
Verrebbero per le nostre risorse naturali? Non avrebbe alcun senso, tutti gli elementi che si trovano sulla Terra, sono probabilmente molto abbondanti anche nello spazio esterno. Vi sono pianeti e asteroidi ricchi di minerali rari, oro e diamanti, ancora di più di quanto potrebbero trovare qui da noi.
Verrebbero perché ci considerano interessanti come razza, popolo?
Forse perché necessita loro un nuovo mondo dove poter vivere? Un giorno potrebbe accadere a noi, di essere costretti a metterci alla ricerca di nuovi pianeti, dopo aver causato la distruzione della nostra bella Terra, o aver dato fondo a ogni risorsa in modo scriteriato.
E sulla domanda: Come capire se le loro intenzioni (degli alieni) siano ostili o amichevoli, non posso che fare supposizioni:
Se gli alieni non fossero creature biologiche ma semplicemente  delle macchine?
Al momento non mi rimane una sola da fare: chiudere i contatti neurali.... tagliare e passar via.
Non senza prima un ultimo commento della serie:
" Ma perché proprio a noi?".
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  annali il Lun 24 Mar 2014, 23:11


 
RICERCA DI INTELLIGENZA EXTRATERRESTRE
 
L’interesse verso l’esistenza di forme  di vita extraterrestri è abbastanza antico, ma è dal 1959 che i moderni studi in questo campo hanno preso il via. Fu in quell’anno che apparve un articolo sull’autorevole rivista Nature, a firma di due eminenti fisici nel quale facevano il punto sulle potenzialità dell’uso delle micro-onde per le comunicazioni interstellari con civiltà aliene.
Nello stesso periodo, un giovane radioastronomo americano, Frank Drake, era giunto in modo del tutto indipendente alle stesse conclusioni.
Per due mesi Drake puntò l’antenna di un radioscopio di 25 metri verso due stelle simili al Sole, relativamente vicine a noi, scegliendo la frequenza di 1421 MHZ. A questa lunghezza d’onda l’atomo di idrogeno neutro emette spontaneamente, quando il suo unico elettrone cambia il senso di rotazione su se stesso.
L’idrogeno è l’elemento più abbondante dell’Universo e dunque, una civiltà extraterrestre sviluppata almeno quanto la nostra sarebbe sicuramente a conoscenza di questo fatto e potrebbe utilizzare tale frequenza per inviare messaggi. La ricerca della vita intelligente nell’Universo, parte dal presupposto che attualmente esista un numero di civiltà così elevato,  che sia statisticamente significativa l’eventualità che possa realizzarsi un contatto.
Drake non ebbe la fortuna di captare segnali extraterrestri, ma il suo progetto chiamato OZMA, spronò altri astronomi a proseguire la sua ricerca.

Nel campo della ricerca di segnali radio extraterrestri, la più importante organizzazione esistente, che opera da circa trent’anni, è il SETI Institute. Questa organizzazione nata per iniziativa della NASA, ma oggi finanziata dai privati, utilizza per i propri scopi i maggiori radiotelescopi del mondo.
Nonostante però la gran mole di dati accumulati, non è stato ancora possibile rilevare un solo segnale di sicura origine intelligente.
WOW!    Così, uno dei ragazzi del SETI, una mattina dell’estate 1977 definì un segnale giunto la notte di ferragosto al radio osservatorio Big Ear dell’Ohio. Si trattava di qualcosa di strano che superava di almeno trenta volte il volume del rumore di fondo, individuato nella banda di 1420 kHz,  dove era stato proposto potesse ospitare segnali intelligenti.
Era una frequenza d’emissione dell’idrogeno, l’elemento più comune dell’universo, e di tutte le specie intelligenti del cosmo.
Sembrava proprio il tipo di segnale che al SETI si aspettava. Il volontario che trovò alcuni giorni dopo la frequenza registrata segnò un solo secco commento a lato dl foglio: Wow!
Il segnale tornò una sola volta poi più nulla.
Da allora, quel Wow rimane il segnale più intrigante mai captato dai radiotelescopi del progetto SETI. Gli scienziati e i volontari del centro di ricerca usano quel soprannome per indicare lo sperato segnale definitivo che riveli l’esistenza di un’altra civiltà nell’universo.
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

a proposito di UFO

Messaggio  misterred il Lun 24 Mar 2014, 19:24

Vero, Annalì, si parla da millenni di strani oggetti, luci e altro che l'uomo ha visto ma non ha mai identificato con esattezza.
Mi chiedo (e chiedo) l'uomo in pochi millenni è passato dalla età della pietra ai jet supersonici, alla bomba atomica, alla comunicazione wi-fi.
Questi (pseudo) alieni invece da millenni viaggiano sempre tramite "dischi volanti" "sigari volanti" e "alttri oggetti volanti" sempre uguali.
In pratica o non si sono evoluti, o l'evoluzione (loro)  è finita. E' possibile?
E poi perchè non si fanno vedere mai, sono timidi?
Tino
avatar
misterred
Senior
Senior

Messaggi : 5214
Data d'iscrizione : 11.10.13
Età : 59
Località : Sacro Monte

Tornare in alto Andare in basso

Re: UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  Charade il Lun 24 Mar 2014, 18:51

annali ha scritto:
 RAGIONI PER CREDERE?
 CARL GUSTAV JUNG E GLI UFO   
Senza volergli mancare di rispetto , ma ha scoperto l'acqua calda ,,, già dalle guerre “ab urbe condita” si sapevano queste cose ,,, Idem dal 1492 il caso più esemplare , per il quale gli indigeni americani , vedevano come “extraterrestri” le armate navali spagnole ed europee -
avatar
Charade
Senior
Senior

Messaggi : 9007
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 38
Località : Modena/Milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  annali il Dom 23 Mar 2014, 14:03


 
DAL DOSSIER INVASIONI ALIENE


L’attenzione del mondo sugli Ufo iniziò dall’incontro del pilota Ken Arnold, nel 1947, con i primi oggetti volanti sconosciuti, poi è stato un susseguirsi di avvistamenti e di dichiarazioni d’importanti personaggi.
Questo nei tempi recenti.
Ma nel passato? Anche Cicerone in “Della divinazione” racconta di quando “ si videro due Soli, di quando si udirono rumori nel cielo e il cielo stesso parve scoppiare e strani globi si videro in esso”.
Plinio il Vecchio, nella sua “Storia naturale”, racconta di un Sole notturno “ …cioè una luce emanata di notte dal cielo, tale da rischiarare come se fosse giorno”. E ancora racconta di eventi ancora più sensazionali “ Tre lune comparvero simultaneamente durante il consolato di G. Domizio” (cap.26) “ Una scintilla cadendo da una stella, s’accrebbe avvicinandosi alla Terra,  e dopo aver raggiunto la grandezza della Luna, diffuse la luminosità di un giorno nuvoloso, per ritirarsi poi nel cielo sotto forma di una torcia”. Un fenomeno che la tradizione menziona con testimoni il proconsole Silanio e il suo seguito (cap. 35).
Sono solo brevi citazioni di due grandi storici, prese a caso fra le tante meritevoli di essere portate a conoscenza, testimonianti l’importanza attribuita a queste osservazioni, per ricordare che da tempo immemorabile gli uomini scorgono misteriosi corpi volanti solcare i cieli.
In quel lontano 1947, vi fu allora una comparsa, oppure “ricomparsa” di strani indefiniti oggetti volanti?

Dichiarazioni di personaggi del mondo militare, politico, scientifico.

L’ex colonnello Philip Corso, che aveva ricoperto, tra gli altri, l’incarico per la sicurezza nazionale durante la presidenza Eisenhower, aveva descritto chiaramente gli UFO come reale minaccia per la sicurezza degli USA.
Sua la dichiarazione: “ La guerra contro gli UFO è andata avanti per oltre 50 anni, durante i quali abbiamo cercato di difenderci dalle loro intrusioni”
Il famoso “scudo stellare”, l’SDI (Strategic Defense Initiative) aveva in effetti  il compito  di respingere gli UFO, navette aliene  che scorazzano nella nostra atmosfera.
Il generale Mc Arthur l’8 ottobre 1955 dichiarò: “Ora affrontiamo un nuovo mondo e un nuovo cambiamento. Parliamo in termini sconosciuti, di sfruttare l’energia cosmica e  dell’ultimo conflitto fra la razza umana e le forze di qualche altra galassia.”

Ronald Reagan pronunciò questo discorso alle Nazioni Unite il 21 settembre 1987: “ La nostra ossessione  per l’antagonismo del momento, ci fa dimenticare spesso quanto uniti devono essere tutti i membri dell’umanità. Abbiamo forse bisogno di una lezione proveniente dall’esterno, dall’universo, che ci faccia riconoscere questo bene comune.”
Nel corso di un incontro con Michail Gorbaciov, prima di salire sull’aereo e ripartire pronunciò questa frase “ Se dovesse succedermi qualcosa, io spero che tutti i popoli della Terra si uniranno nel caso di un’invasione aliena”.
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  annali il Dom 23 Mar 2014, 00:52


 
 
EXTRATERRESTRI TRA SCIENZA E TEOLOGIA
 
Keplero era convinto di una pluralità di mondi abitati, seguito senza esitazione poi da Kant.
Nel settecento il “ visionario” mistico svedese Swedenborg, era convinto di avere raccolto messaggi spirituali, tanto da fondare una sorta di religione che ancor oggi trova fondamento nella “Swedenborg Foundetion”in Pennsylvania.
Dal 1947 ai nostri giorni con l’ingresso degli UFO e le teorie destinate a generare “religioni ufologiche” concernenti gli “elohim” extraterrestri, è andato configurandosi un orizzonte pseudo-scientifico-teologico nel quale riversare una miscela di sistemi dottrinali variegati.
Così gli UFO entrano come surrogato delle antiche divinità abbattute dalla scienza, supposti come segni precursori del “tempo della fine”, visti cioè, apoliticamente in un’ottica angelica, assimilabili a credenze gnostiche.
Considerato il ritmo con cui procede l’esplorazione spaziale, diventa sempre più concepibile la scoperta di vita aliena, non necessariamente rappresentata da avanzata tecnologia.
Per aprire scenari nuovi basterebbe evidenziare una forma di vita primitiva anche allo stato elementare. Da oltre quarant’anni il Seti con il suo progetto di esobiologia cerca di captare segnali radio provenienti dal cosmo. La domanda è la stessa, ormai largamente scontata:
“Siamo soli nell’Universo?”
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  annali il Dom 23 Mar 2014, 00:22


 
RAGIONI PER CREDERE?
 
CARL GUSTAV JUNG E GLI UFO  
 
Nel suo libro “ Su cose che si vedono nel cielo”, lo psicologo e psicanalista Carl Gustav Jung, negli anni cinquanta scriveva così:
“ Nel caso si dovesse confermare l’origine extraterrestre del fenomeno, questo proverebbe l’esistenza di un rapporto di intelligenza interplanetaria. Ciò che comporterebbe un fatto del genere per l’umanità non può essere previsto, ma certamente ci troveremmo nelle precarie condizioni in cui si trovano le attuali comunità primitive in conflitto con la civiltà superiore dei bianchi. Perderemmo il timone della nostra esistenza e non avremmo più speranze.
Sarebbero prima di tutto la nostra scienza e la nostra tecnica a essere travolte. Quanto significhi sul piano morale una catastrofe simile, possiamo giudicarlo dalla rovina delle civiltà primitive di cui siamo testimoni. Non ci sono dubbi che la costruzione di macchine come i dischi volanti dimostra una tecnica scientifica enormemente superiore alla nostra”.
 
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

UFOLOGIA? PRIMATO ITALIANO

Messaggio  annali il Dom 06 Ott 2013, 00:48


 
“ È più verosimile che gli americani vengano invasi, prima che dai soldati dell’Asse, dai bellicosi abitanti di Marte, che scenderanno dagli spazi siderali su fortezze volanti…”
Queste parole furono pronunciate da Benito Mussolini al raduno della Federazione Nazionale dei Fasci al Teatro Adriano di Roma, il 23 febbraio 1941.
Era il 13 giugno 1933, quando quello che sembrava un disco volante si schiantò nei boschi di Magenta, nel milanese. Il Duce, pensando a un’arma spionistica dei nazisti ordinò di recuperarlo e di tacitare giornalisti e testimoni. Così dicevano i telegrammi stilati all’epoca.
Mussolini era un realista non pensava certo agli alieni, pensava  invece che qualcuno facesse esperimenti bellici segreti assieme al gruppo di scienziati nazisti che lavorava alla realizzazione della bomba atomica.
Quanto ai marziani che avrebbero potuto invadere l’America, era certamente solo una battuta.
 
Per capire cosa fossero le cose volanti che il regime vedeva nei cieli italiani, fu costituito il Gabinetto RS/33, del quale fecero parte eminenti scienziati, da Guglielmo Marconi al padre della missilistica Arturo Crocco.
Dunque, la nascita ufficiale dell’ufologia, che negli Stati Uniti nacque nel 1946 andrebbe retrodatata, spettando il primato all’Italia.
Ma che cosa ne fu del disco volante che si schiantò nei boschi magentini?
Le sue tracce furono individuate presso Varese, alla Siae Marchetti, dove venivano testati gli aerei più all’avanguardia.
I tecnici furono preparati a studiare qualcosa di totalmente rivoluzionario ma che, per un incendio che distrusse l’hangar dove era custodito il reperto non poterono portare a compimento.
Si salvò una dozzina di fogli con disegni custoditi nella Repubblica di Maderno del Garda, da uno dei progettisti del Duce. I fogli mostrano un disco volante ricostruito come fosse un elicottero, mostrando di non avere capito nulla della tecnologia venuta dallo spazio.  Fortunatamente! Chissà quale corso avrebbe preso la storia!
 
 
.     
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  Mr Fehér il Mar 27 Ago 2013, 00:06

Lo ammetto , non so nulla ne di : Ufo , ne di “testimonianze” , ne di contattisti ne di visionaristi … Eppur da un punto di vista prettamente logico , un “ufo” essendo un acronimo che indica oggetti volanti non identificati , risulta essere oggetto della più classica trasposizione di significati conseguenziali non consentiti : è curioso che in tutti questi casi , vige la classica regola aurea del : non so' cos'è , allora è quello !?
avatar
Mr Fehér
Admin
Admin

Messaggi : 2735
Data d'iscrizione : 22.11.12
Località : No space / no time

http://j-pheonix.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

ANCHE GLI UFO CADONO

Messaggio  annali il Dom 25 Ago 2013, 22:51


 
 
Come mai, incredibili oggetti volanti, capaci di prestazioni assolutamente fuori dall’ordinario possono  rovinosamente e miseramente  cadere  al suolo?

Difficile pensare come causa di UFO crash a problemi tipo guasti di origine tecnologica, più facile ipotizzare guasti provocati da tempeste magnetiche solari o comunque per interazione provocata da devastanti fenomeni naturali presenti sul nostro pianeta, come la caduta di sciami  meteorici. Tanto sicuri e indistruttibili nei voli spaziali e insicuri, o quantomeno più vulnerabili ed esposti nei voli atmosferici? Una possibilità non da scartare.

Cosa potrebbe avere la capacità offensiva di abbattere un UFO? La nostra odierna tecnologia militare lo potrebbe fare? Molte testimonianze assicurano come questi oggetti riescano facilmente a eludere ogni tentativo di attacco, però altrettante testimonianze riferiscono di avere visto UFO abbattuti da caccia terrestri. O, abbattuti forse,  da altre forze aliene, dotate di armi più distruttive delle nostre.

 Gli alieni potrebbero essere incapaci di effettuare corrette manovre? Cattivi piloti qualcuno di loro, o le loro astronavi non sono il gioiello tecnologico che noi pensiamo? Che non hanno raggiunto la perfezione che noi crediamo?

  Supposizioni. Siamo ancora lontani dal comprendere appieno il fenomeno UFO, ma intanto, anche loro cadono.
 
 
 
 
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

DAI DOSSIER INVASIONI ALIENE

Messaggio  annali il Dom 18 Ago 2013, 01:24


 
 
Dichiarazioni di personaggi del mondo militare, politico, scientifico.

L’ex colonnello Philip Corso, che aveva ricoperto, tra gli altri, l’incarico per la sicurezza nazionale durante la presidenza Eisenhower, aveva descritto chiaramente gli UFO come reale minaccia per la sicurezza degli USA.
Sua la dichiarazione: “ La guerra contro gli UFO è andata avanti per oltre 50 anni, durante i quali abbiamo cercato di difenderci dalle loro intrusioni”
Il famoso “scudo stellare”, l’SDI (Strategic Defense Initiative) aveva in effetti  il compito  di respingere gli UFO, navette aliene  che scorazzano nella nostra atmosfera.
 
Il generale Mc Arthur l’8 ottobre 1955 dichiarò: “Ora affrontiamo un nuovo mondo e un nuovo cambiamento. Parliamo in termini sconosciuti, di sfruttare l’energia cosmica e  dell’ultimo conflitto fra la razza umana e le forze di qualche altra galassia.”
 
Ronald Reagan pronunciò questo discorso alle Nazioni Unite il 21 settembre 1987: “ La nostra ossessione  per l’antagonismo del momento, ci fa dimenticare spesso quanto uniti devono essere tutti i membri dell’umanità. Abbiamo forse bisogno di una lezione proveniente dall’esterno, dall’universo, che ci faccia riconoscere questo bene comune.”
Nel corso di un incontro con Michail Gorbaciov, prima di salire sull’aereo e ripartire pronunciò questa frase “ Se dovesse succedermi qualcosa, io spero che tutti i popoli della Terra si uniranno nel caso di un’invasione aliena”.

ALIENI BUONI O CATTIVI?
Stephen Hawking, scienziato britannico, suggerisce che la presenza degli alieni è quasi certa,
 una mera questione statistica: “ Nell’universo”, rileva, “ci sono 100 miliardi di galassie, ciascuna contenente centinaia di milioni di stelle. Non siamo soli, là fuori altre razze intelligenti potrebbero vivere ed è meglio evitare di cercarli  ma piuttosto mettere in atto tutto quanto possibile per evitare qualsiasi contatto. In gran parte la vita extraterrestre potrebbe essere costituita da microbi o animali semplici, le stesse forme che hanno dominato sulla Terra per miliardi di anni ma creature intelligenti, cosa rappresenterebbero per noi?
Se ci guardassimo allo specchio possiamo immaginare cosa può essere capace di fare una specie intelligente”.
Questa tesi, dell’emerito fisico Hawking, è stata esposta in alcuni documentari televisivi sul Discovery Chanel inglese, dove spiega i misteri dell’universo.
In conclusione, dunque, c’è da sperare che nonostante tutto il chiasso che facciamo nessuno si accorga di noi!
 
MA PERCHÉ UNA RAZZA ALIENA DOVREBBE VENIRE SULLA TERRA?
Verrebbero per le nostre risorse naturali? Non avrebbe alcun senso, tutti gli elementi che si trovano sulla Terra, sono probabilmente molto abbondanti anche nello spazio esterno. Vi sono pianeti e asteroidi ricchi di minerali rari, oro e diamanti, ancora di più di quanto potrebbero trovare qui da noi.
Verrebbero perché ci considerano interessanti come razza, popolo?
Forse perché necessita loro un nuovo mondo dove poter vivere? Un giorno potrebbe accadere a noi, di essere costretti a metterci alla ricerca di nuovi pianeti, dove aver causato la distruzione della nostra bella Terra, o aver dato fondo a ogni risorsa in modo scriteriato.
E sulla domanda: Come capire se le loro intenzioni (degli alieni) siano ostili o amichevoli, non posso che fare supposizioni.
"Se non fossero creature biologiche ma semplicemente (si fa per dire) delle macchine?"
Al momento non mi rimane una sola da fare: chiudere i contatti neurali.... tagliare e passar via.
Non senza prima un ultimo commento della serie:
 
" Ma perché proprio a noi?".
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

E SE NON FOSSERO GLI UFO A VENIRE DA NOI....

Messaggio  annali il Sab 10 Ago 2013, 16:26

Il fatto che tu non comprendi la relazione tra le rotte degli UFO percorse da millenni e le segnalazioni di "luci" indicate da molti nel presente, potrebbe essere che tu misuri il tempo per mezzo del "rolex" che porti al polso? No 
Perchè non pensare siano abitanti di altri mondi che ammirati contemplano il passaggio del nostro errante pianeta azzurro?
Così che a porsi domande siano loro e noi simultaneamente. alien 
Lo so, un po' tirata per i capelli, ma in fondo: perchè no? Mad 
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  Mr Fehér il Gio 08 Ago 2013, 13:27

annali ha scritto:
 E dunque, ecco la mia fantastica (forse) teoria: se la Terra si sposta lungo la spira elicoidale all’enorme velocità di ventinove chilometri il secondo, senza mai ripassare nella stessa fascia dello spazio, non ci dovremmo domandare se sono davvero gli UFO che ci vengono a trovare o, non siamo invece noi della Terra che, nella vertiginosa corsa dietro il Sole attraversiamo zone della nostra galassia incrociando rotte pre-esistenti percorse, magari da secoli o millenni…….Dagli UFO?
  
Non capisco quale sia la relazione tra rotte degli ufo passate da millenni e le segnalazioni di "luci" indicate da molti nel presente ...
Sempre ovviamente tenendo presente di non applicare la regola "aurea" del illogico salto logico tipo :
non so cos'è quello , quindi sarà certamente quello !... 




avatar
Mr Fehér
Admin
Admin

Messaggi : 2735
Data d'iscrizione : 22.11.12
Località : No space / no time

http://j-pheonix.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

E SE NON FOSSERO GLI UFO CHE VENGONO DA NOI?

Messaggio  annali il Mer 07 Ago 2013, 17:30


 
 
Intanto diciamo che gli UFO non volano nell’atmosfera come avviene per gli aerei, ma si spostano nello spazio anche dove l’atmosfera  terrestre è estremamente rarefatta, inoltre riescono a sparire verticalmente, sfuggendo facilmente ai reattori più veloci costruiti dall’uomo.

 
Le enormi accelerazioni, i cambiamenti di direzione ad angolo retto, la rotazione e gli spostamenti silenziosi, potrebbero trovare conferma nelle ipotesi prospettate dagli specialisti che da anni studiano il modo di muoversi degli UFO, cioè che la forza sostentatrice e quella propulsiva sia costituita da combinazioni (a noi sconosciute) che impiegano campi magnetici, o una qualche forma di energia spaziale, forse i raggi cosmici.

 Che siano armi segrete terrestri ormai risulta molto improbabile: infatti quale potenza militare vorrebbe rischiare il volo di apparecchi segreti oltre il loro territorio, per di più con grande sfoggio di luci colorate nei cieli notturni? Oppure in pieno giorno, fotografati o filmati di chiunque e ovunque?

 Ora mi confronterò con una teoria alquanto fantastica ma a ben pensarci… perché fantastica?

 Si sa che il Sole si muove alla velocità di venti chilometri al secondo, portando con sé tutti i pianeti del Sistema Solare che si muovono mantenendo le distanze secondo le leggi di Keplero e di Newton, e conoscendo che il movimento del Sole è orientato ad angolo di 38° rispetto al cosiddetto Asse verticale dell’Eclittica, quando essa viene considerata un piano orizzontale, ne consegue che la Terra, con gli altri pianeti, non percorrono orbite ellittiche o circolari, bensì delle spire elicoidali.

Girano intorno all’asse lungo il quale si sposta il Sole, e per effetto dell’obliquità di tale asse i movimenti dei pianeti diventano irregolari rispetto alla velocità di traslazione del Sole.

 E dunque, ecco la mia fantastica (forse) teoria: se la Terra si sposta lungo la spira elicoidale all’enorme velocità di ventinove chilometri il secondo, senza mai ripassare nella stessa fascia dello spazio, non ci dovremmo domandare se sono davvero gli UFO che ci vengono a trovare o, non siamo invece noi della Terra che, nella vertiginosa corsa dietro il Sole attraversiamo zone della nostra galassia incrociando rotte pre-esistenti percorse, magari da secoli o millenni…….Dagli UFO?

 
  
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

PROGETTO ORION –LA SUA SEGRETA STORIA

Messaggio  annali il Ven 26 Lug 2013, 01:05


 
Che la comunità ufologica presuma la NASA stia cercando di nascondere l’esistenza di astronavi aliene nei nostri cieli, è cosa nota da tempo.

Eppure, le recenti scoperte di Gary McKinnon, l’hacker che sostiene di aver avuto accesso a file ultrasegreti della difesa degli Stati Uniti, dimostrerebbero che esiste una flotta di astronavi parcheggiate in prossimità del nostro pianeta. Fosse vero, avvalorerebbe le voci di recenti rivelazioni a proposito di un progetto risalente addirittura agli anni cinquanta. Nessuno, in quegli anni, negli ambienti scientifici pensava si potesse mai arrivare a Marte senza razzi molto grossi o molto veloci, questo per una serie di problemi riguardanti l’approvvigionamento di acqua, aria, cibo. Mettendo in conto anche la salute stessa degli astronauti, esposta a rischi gravi dovuti all’esposizione ai raggi cosmici.

La soluzione finora escogitata sarebbe l’utilizzo di astronavi a energia atomica: “Più energia per unità di propellente e meno propellente da trasportare. I propulsori atomici ingabbiano un milione di volte più energia per unità di massa  dei migliori combustibili chimici”.
L’8 febbraio 2006 la BBC ha messo in onda il documentario “To Mars by A-Bomb", dove svelava che la prima astronave atomica era stata concepita già mezzo secolo prima ed era stata denominata  “ORION”. L’idea era nata nel 1957 da Theodor B. Taylor, uno specialista di armi nucleari. Il suo progetto prevedeva che le bombe nucleari sarebbero state sganciate dietro l’astronave, la cui esplosione sarebbe stata ammortizzata da una lastra rotonda, del diametro quasi uguale all’altezza, con una potenza in grado di spingere il veicolo sul lontano pianeta. Giunto su Marte avrebbe compiuto un atterraggio morbido, (a colpi di bombe), oppure, senza atterrare, sarebbe rimasto in orbita mentre l’equipaggio scendeva con le navette. (in mancanza del teletrasporto).

Studi in merito al Progetto ORION furono condotti anche dal Prof. Freeman Dyson, programmando grandi spedizioni verso Marte nel 1968, resi noti più tardi dal figlio George, che ne scrisse nel 2003, la storia completa nel libro “Project ORION: La vera storia dell’astronave atomica”.  Utilizzare gli enormi arsenali delle bombe, non per distruggere, ma per portare l’uomo nel cielo.

Chi avrebbe potuto finanziare una simile idea fu all’inizio l’ARPA, agenzia dei progetti segreti del Pentagono, oggi DARPA, idea e progetto poi in seguito passati all’Air Force statunitense. Secondo la storia ufficiale il progetto fallì per l’impossibilità di cederlo alla NASA, impegnata a seguire Wernher  von Braun nella realizzazione dei suoi grandi razzi, e quindi, a procedere con l’Apollo e il Saturn V.

Arthur Clarke, scrittore e co-autore della sceneggiatura di “2001: Odissea nello spazio”, intervistato dalla BBC, affermò che ORION non era una follia e che poteva funzionare. “La questione” disse “ non era se potessimo costruirlo, ma se potessimo farlo”.
Sua è la frase: “ Se alzate gli occhi al cielo abbastanza a lungo, prima o poi vedrete un’astronave, ma sarà delle nostre! Non aliena”.








 
avatar
annali
Senior
Senior

Messaggi : 6913
Data d'iscrizione : 06.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: UFOLOGIA... E DINTORNI...

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 9 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum