L'ORACOLO DI DELFI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

L'ORACOLO DI DELFI

Messaggio  annali il Mar 24 Giu 2014, 02:04


 
Secondo il mito, Zeus fece volare due aquile dai punti opposti dell’universo finché non si incontrarono: il punto dove si verificò l’incontro, nel mezzo del santuario di Delfi, luogo sacro per eccellenza nonché  centro del mondo, è rappresentato da una pietra conica, a forma di mezzo uovo, chiamata appunto Omphalos. La pietra fu ritrovata nel corso degli scavi e ora è esposta al museo di Delfi.
Delfi è l’oracolo per eccellenza, luogo sacro dedicato al dio Apollo, dove le persone si recavano per formulare domande sulle cose che ritenevano opportuno conoscere in anticipo.
Narra la mitologia, che in quei luoghi ricchi di boschi e di sorgenti, dove si riunivano le Muse, le Naiadi e le Ninfe delle acque, c’era una caverna abitata dal serpente Pitone, custode di un oracolo.
Fu ucciso da Apollo che volle impadronirsi del suo sapere e dominare l’oracolo. Da qui deriva il nome di Pizia o Pitonessa, attribuito alle donne che trasmettevano i responsi dell’oracolo
Sul misterioso personaggio che forniva le risposte dell’oracolo si sa solo che la vita e i costumi della candidata dovevano essere irreprensibili. La scelta non era vincolata alla sua classe sociale e la nomina era vitalizia. Le Pizie s’impegnavano a vivere sempre nel santuario; al suo Apogeo, l’oracolo arrivò ad avere tre Pizie simultaneamente al suo servizio, per essere in grado di far fronte a tutte le richieste che si susseguivano nella giornata.
I postulanti si presentavano all’ingresso offrendo un obolo come sacrificio sull’altare, poi al cospetto della Pizia formulavano verbalmente la domanda. A questo punto la Pizia seduta su un tripode in luogo riservato in fondo al tempio, forniva il responso.
Le risposte dell’oracolo e delle pitonesse erano sempre molto precise, azzeccate, tanto che nessuno seppe mai spiegarsi come avvenisse.
Secondo la leggenda risalente ad autori cristiani, il tripode della Pizia era collocato sopra una profonda crepa nella roccia, da cui emanavano vapori che sprofondavano la sacerdotessa in una specie di trance, la quale a sua volta, sembra masticasse foglie di lauro, che hanno effetti allucinogeni.
La prima Pizia o Pitonessa pare si chiamasse sibilla, per cui questo nome divenne sinonimo della professione di profetessa.
La località in cui si trovava l’oracolo di Delfi era sacra e magica già molto tempo prima del XIV secolo avanti Cristo, come attestano i vasi che vi sono stati ritrovati, su cui sono raffigurati idoli in piedi con le braccia alzate o seduti su tripodi.
I primi templi dedicati ad Apollo e ad Atena furono costruiti verso la fine del VII secolo avanti Cristo, ma in tempi diversi andarono distrutti più volte, prima da incendi, poi da terremoti.
Nonostante l’oracolo andasse incontro a fasi di decadenza, perdendo prestigio, gli imperatori, come Adriano, continuavano a consultarlo.
Altri invece, come fecero Silla, Nerone e Costantino, anziché contribuire ad arricchirlo lo spogliarono dei suoi beni, finché l’Oracolo di Delfi nell’anno 390, fu chiuso ufficialmente da un editto dell’imperatore Teodosio, che volle farla finita con i presunti idoli del paganesimo.

annali
Senior
Senior

Messaggi : 7719
Data d'iscrizione : 06.06.13

Torna in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto

- Argomenti simili

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum